Essere Genitori

Quando è meglio avere il secondo figlio?

05

La decisione più difficile per una mamma ed un papà dopo aver deciso se avere o meno un bambino, è se e soprattutto quando è meglio avere il secondo figlio.

Anche se ovviamente questa decisione non è sempre controllabile in quanto una seconda gravidanza, anche se voluta, potrebbe a volte tardare ad arrivare, è pur sempre vero che si tratta di un argomento su cui una coppia che desidera avere più di un bambino dovrebbe riflettere.

Molti pensano, ad esempio, che aspettare 5 anni o più non sia la scelta migliore perché così ci sarebbe troppa differenza di età fra i bambini; altri invece ritengono che fare subito un secondo figlio dopo il primo tolga attenzioni al primogenito e risulti davvero troppo pesante per i genitori.

In entrambi i casi, ci sono comunque pro e contro da valutare: scopriamoli insieme nei paragrafi che seguono.

Fare subito un secondo figlio dopo il primo: vantaggi e svantaggi

Decidere di fare un secondo figlio mentre il primogenito ha ancora il pannolino o non è ancora svezzato è una scelta che non tutti possono condividere.

È, infatti, molto difficile riuscire a destreggiarsi tra due neonati di pochi mesi soprattutto quando non si ha l’aiuto di qualche familiare. Tuttavia, ci sono alcune coppie così temerarie che ritengono questa sia una saggia decisione soprattutto perché così i due bambini cresceranno davvero insieme, condividendo gli stessi giochi, avendo gli stessi amici e gli stessi interessi.

Ulteriore vantaggio dell’avere il secondo bambino a poca distanza dal primo è che potrai sfruttare seggiolino, box e fasciatoio che già utilizzi per il primogenito anche per il secondogenito. Probabilmente, però, sarai costretta ad acquistare un secondo lettino e un altro passeggino, oppure un passeggino gemellare.

Altro aspetto sicuramente positivo di avere due neonati a poca distanza l’uno dall’altro è che difficilmente il primo figlio manifesterà gelosia nei confronti del secondo, essendo troppo piccolo. È pur vero, però, che i nove mesi di gravidanza, il parto e l’allattamento potrebbero costringerti  a distogliere un po’ di attenzioni dal primo nato, il quale a sua volta potrebbe vivere con ansia e stress la prematura separazione.

Considera, infine, che anche se il corpo di una donna è geneticamente programmato per avere un figlio, se hai avuto un cesareo o un parto particolarmente difficili potrebbe essere sconsigliato affrontare una nuova gravidanza in tempi così ravvicinati.

Gap di età fra i 2 e i 4 anni

Attendendo solo 2,3 o 4 anni fra il tuo primo e secondo bambino di sicuro il tuo corpo così come la tua mente saranno più pronti ad affrontare una nuova gravidanza, il parto e i primi mesi di vita del nuovo arrivato.

Il tuo primo figlio sarà probabilmente già svezzato e non avrà più il pannolino; in alcuni casi, potrebbe aver iniziato il nido e/o la scuola materna e dunque essere diventato molto più autonomo rendendo così la tua vita più facile.

Ma i vantaggi non finiscono qui: la differenza di età fra i tuoi figli sarà abbastanza ridotta da far trovare loro molti punti in comune sia da piccoli che per tutto il resto della loro vita. Considera inoltre che in questo modo potrai praticamente sfruttare tutti gli oggetti che hai comprato per il primo figlio anche per il secondo, evitando di spendere altri soldi: questo vale non solo per il passeggino e il seggiolone, ma anche per i body e le tutine a patto che i bambini siano dello stesso sesso.

Scelta ottimale allora? No, perché anche in questo caso ci sono dei “contro”, primo fra tutti il fatto che la rivalità fra fratelli potrebbe essere molto intensa. Il bambino più grande, inizialmente felice per la nascita del fratellino, potrebbe vivere come un trauma l’arrivo del nuovo nato, traducendo il suo malessere in crisi di pianto, rabbia e senso di sfida eccessivo. Niente comunque che non possa essere gestito con un po’ di pazienza e tanto amore (scopri alcuni trucchi per non alimentare la gelosia del primogenito in questo articolo “Come annunciare l’arrivo di un fratellino”).

Infine, uno dei “contro” che spesso madri e padri non considerano, è che avendo un fratellino più grande che magari va a scuola, il neonato sarà sicuramente più esposto a virus e batteri, col rischio concreto di ammalarsi ogni volta che passa una nuova ondata di influenza e raffreddore.

Differenza di età oltre i 5 anni

Fare un bambino dopo che il tuo primogenito avrà compiuto 5 anni è di sicuro più facile a dirsi che a farsi. Una volta che il tuo primo figlio avrà iniziato al scuola la tua vita finalmente si sarà assestata e ricominciare tutto da capo potrebbe sembrarti davvero difficile.

Ciò nonostante, anche questa scelta potrebbe avere dei vantaggi: ora che hai già fatto esperienza come mamma sarai molto più consapevole e affronterai le cose con meno ansia sentendoti più sicura. Il tuo bambino più grande, soprattutto se già adolescente, potrebbe poi aiutarti nel gestire il neonato appena arrivato, alleggerendo alcuni dei tuoi compiti. E anche se in questo modo la differenza di età fra i due fratelli sarà davvero eccessiva, non è detto che non possa fra loro instaurarsi un rapporto di grande complicità.

Fin qui i “pro”. E per quello che riguarda i “contro”? Una scelta di questo tipo, soprattutto se nel frattempo anche tu avessi superato i 40 anni di età, potrebbe essere associata ad un pericolo maggiore di avere una gravidanza a rischio o di malattie genetiche per il feto. Senza contare che probabilmente per fare spazio in casa ti sarai sbarazzata ormai di tutti gli attrezzi per bambini dunque dovrai praticamente ricomprare tutto facendo questa spesa una seconda volta.

Come avrai ben compreso, dunque, qualunque sia la tua scelta di quando fare il secondo figlio ci saranno sempre dei “pro” e dei “contro” da valutare, quindi probabilmente la cosa migliore da fare è di considerare insieme al tuo compagno quali sono le vostre priorità e se davvero sia quello il momento giusto per accogliere un altro bimbo in casa.

Commenti

commenti

Condivisioni