Il latte preferito dalle mamme

20, 30 o 40: qual è il momento giusto per diventare mamma?

23 Marzo 2015

  • Il Mondo dei Bimbi

Diventare mamma: ogni donna (o quasi) ha questo desiderio. Qual è l’età ideale per una gravidanza? Che si abbiano 20, 30 o 40 anni è sempre una gioia ed un’avventura avere un bambino ma ogni età ha le sue criticità ed i suoi punti di forza. Vediamo insieme quali sono i pro ed i contro di ogni età.

Essere mamma è sempre un’emozione a qualunque età. Non importa quanti anni tu abbia, è un’esperienza da vivere appieno e con tutto l’entusiasmo di cui sei capace. E’ ovvio, però, che ogni stagione della vita regala una visione diversa della vita e delle cose che accadono. Restare incinta a 20 anni è un conto, diventare mamma a 30 o 40 anni è un pizzichino diverso.

Diventare mamma a 20, 30 o 40 anni è un percorso personale ed intimo diverso per ogni donna. Le emozioni, le sensazioni e le paure sono differenti da persona a persona. 

Essere mamma a 20 anni

La voglia di diventare mamma a 20 anni è grande come a qualunque altra età. Decidere di avere un bambino a questa età significa crescere insieme a lui, vivere la gravidanza con una maggiore serenità ed una leggerezza che altre donne non possono avere. Allo stesso tempo, però, si è più inesperte ed impaurite perché ancora un po’ figlie. Si può contare su una vasta rete di aiuto e di sostegno però proprio per la giovane età! Quindi, non disperare mamma: sei giovane e hai una vita intera per imparare 🙂

Mamma a 30 anni

A trent’anni cominciano le vere sfide: non si è più delle ragazzine ma si ha ancora tanta strada da fare nella vita. Si è (almeno si spera!) più stabili economicamente, si comincia ad avere una carriera avviata ed un compagno collaborativo e che ti sostiene. Nei sogni! La verità è che un bambino a trent’anni non è facile con la crisi, ma si ha una consapevolezza maggiore nella scelta di avere un figlio.

Le energie non sono al top, la stanchezza dopo un’intensa giornata di lavoro si fa sentire ed aumentano i rischi legati al parto (è più alta la possibilità di avere il cesareo) ma avere un bambino a trent’anni è il coronamento di un percorso di crescita personale ben ponderato.

La maternità a quarant’anni

Sempre più donne, vuoi la crisi, vuoi un’invecchiamento del tessuto demografico italiano, scelgono di diventare mamme alla soglia dei quaranta ed anche oltre. La consapevolezza di questa scelta che comporta rischi dal punto di vista fisico (affaticamento, aumento dei rischi legati al parto) e psicologico ha però un risvolto sempre più positivo. Tante mamme infatti vivono quest’esperienza come una vera e propria rinascita personale. Perché non provarci allora (sempre seguite passo per passo da un buon team medico)?

Hai trovato questo articolo utile? Scrivici la tua opinione nei comment e continua (se vuoi, piangeremo solo come bimbi se non lo farai!)  a seguirci su bimbo&mamma.it!

Credits Photo: Pixabay.com


COMMENTA L'ARTICOLO