Il latte preferito dalle mamme

8 marzo perché si festeggia (spiegato ai bambini)

8 Marzo 2016

  • Essere Genitori

L’8 marzo è la festa delle donne: tu sai perché si festeggia? E, ancora, sai come spiegare a tuo figlio il vero significato di questa data? Ecco qualche informazione utile sul motivo per cui si festeggia la donna proprio in questo giorno e, soprattutto, come spiegarlo a tuo figlio e celebrarlo nel modo migliore.

L’8 Marzo è la Giornata internazionale della donna ma tutti la conosciamo più banalmente come Festa della donna. Spesso è soltanto il giorno in cui portare un fiore giallo alla propria mamma, moglie, sorella o amica. In realtà quella mimosa ha un significato un po’ più speciale. È il simbolo di una storia che, se vuoi, puoi raccontare a tuo figlio!

8 marzo: perché si festeggia?

8-marzo-festa-della-donna

L’otto marzo si celebrano tutte le donne che lottano ed hanno lottato per le conquiste sociali, come il voto. Donne forti ed intraprendenti, fragili e dolci, che si sono impegnate per il bene comune. Per la prima volta questa festa viene festeggiata negli Stati Uniti, nel 1909, per iniziativa del Partito socialista americano. Credenze comuni, invece, raccontano che la festa celebri un episodio in cui persero la vita 134 donne in occasione di un incendio nel 1857 (fonte: Focus.it).

La mimosa viene scelta come simbolo della festa dell’8 marzo in Italia nel 1946 dall’Unione Donne Italiane (UDI). A quei tempi la fioritura che coincide col periodo ed il costo ridotto dei fiori gialli diciamo che… facilitarono la scelta! Ecco come la mimosa è diventata il simbolo della Giornata delle Donne.

L’8 marzo spiegato ai bambini

8-marzo-festa-della-donna

Sembra quasi un’impresa impossibile spiegare ai bambini perché si festeggia la Festa della Donna, vero? In realtà, è molto più semplice dire ad un bambino perché deve (semplicemente) rispettare tutti gli esseri umani che spiegargli perché tanto tempo fa le donne non potevano nemmeno votare o, quasi, nemmeno parlare in certe occasioni. Già, la vita della mamma era un po’ più complicata di com’è adesso. E noi che ci lamentiamo dei ritmi della giungla moderna! Quindi? Come spieghiamo a questi bimbi che la donna va rispettata, anche se è stressata ed indossa la tuta?!

  • insegnagli che l’amore ha tante forme ed una di queste (la più importante) è il rispetto
  • spiegagli che prima le donne, anche le mamme e le nonne, non avevano tutti i diritti che hanno oggi e che ci sono state tante signore che – forti e coraggiose – hanno combattuto per ottenerli
  • è una data importante e quindi va bene festeggiarla anche con un simbolo come un fiore, ma che le donne vanno trattate bene, rispettate ed amate tutti i giorni (così come gli uomini!)

Insomma, più che spiegargli perché è importante portare una mimosa alla maestra, alla nonna o alla sorellina, basta spiegargli che tutti (ma proprio tutti) hanno il diritto di essere amati per ciò che sono ed il dovere di rispettare la libertà e le scelte altrui.

Come trascorrere la festa della donna con i bambini

8-marzo-festa-della-donna

Celebrare la festa della donna con tuo figlio non è solo un’ottima occasione per passare del tempo insieme, ma è anche un momento importante per dargli valori giusti e sani con cui crescere. Con i bambini non c’è bisogno di fare discorsi complicati (come ti suggerivamo sopra) ma semplicemente creare un momento speciale in cui spiegargli a cosa serve la Festa della Donna e perché festeggiarla. Ecco qualche consiglio di cose da fare insieme ai bambini l’8 marzo:

  • guardare un cartone animato o leggere una storia in cui la protagonista è una donna è un ottimo modo per spiegare ai più piccoli che le donne sono forti e coraggiose, proprio come gli uomini (a volte anche di più!)
  • racconta a tuo figlio o figlia di tutte quelle donne che hanno avuto un ruolo importante nella storia, nella scienza e nell’arte. Avete mai giocato ad interpretare le grandi donne del mondo? Provaci!

Insomma, non è solo la Giornata della Donna l’8 marzo, ma un momento per ricordarsi che l’amore ed il rispetto reciproco sono i pilastri di rapporti sani, soprattutto per i bambini! 🙂


COMMENTA L'ARTICOLO