Il latte preferito dalle mamme

Bambini e animali: quando un cucciolo entra in casa

7 Settembre 2016

  • Il Mondo dei Bimbi

Quando entra un cucciolo di animale in casa la gioia dei bambini è sempre grande, anche se poi le responsabilità ricadono sempre su mamma e papà. Ma vere animali in casa fa bene davvero a tutti.

La scena che tutti possono ricordare è quella di Lilli e il Vagabondo, quando arriva la piccola cagnolina in un pacco regalo, o anche quella in cui Andy, il bimbo di Toy Story, riceve il suo amico a quattro zampe per Natale. Ricevere un cucciolo come regalo è una gioia infinita per i bambini, soprattutto quelli che hanno desiderato di avere un cucciolo per tanto tempo.

Bambini e animali: come creare il giusto equilibrio

bambini e animali

Quando un cagnolino o un gattino entra in casa, gli equilibri cambiano, così come quando nasce un bimbo. Sembrerà strano a chi non ne ha, ma gli animali domestici hanno un loro carattere ben preciso, spesso sono dispettosi e indisponenti, ma di sicuro portano affetto, scompiglio, e anche disordine e caos.

È scientificamente provato che avere un amico a quattro zampe in casa giova alla salute dei bambini, sia fisica che psicologica: le allergie di solito svaniscono, le difese immunitarie si rinforzano, ma soprattutto migliorano la socievolezza  e l’apertura, ma soprattutto la sensibilità e l’empatia verso gli altri dei bambini in casa.

L’animale educa alla diversità, i bambini si rendono conto, infatti, che oltre agli essere umani esistono anche altri esseri viventi che meritano rispetto, che devono essere educati, nutriti e curati e che per questo richiedono un assoluto impegno da parte di ogni membro della famiglia.

D’altronde è proprio grazie alla pet-therapy che vengono abbattuti i muri dell’asocialità  e dell’introversione dei bambini un po’ più difficili: questo tipo di terapia è infatti indicata per chi ha problemi di comunicazione, di relazione e di socializzazione, e anche per chi soffre di autismo.

A partire dai due anni i bambini possono già avere un animale, anche se si renderanno davvero conto della loro diversità verso i 4 anni, quando saranno un po’ più responsabili e potranno prendersene maggiormente cura. Ma a tutte le età i bambini avranno dei compagni di gioco sempre disponibili, per la loro gioia dei figli unici.

Oltre alle normali regole igieniche, da mantenere costantemente, in casa e fuori, bisogna tener presente che un animale richiede un impegno regolare, tra pulizia, bisogni, cure veterinarie, nutrizione, movimento.

 


COMMENTA L'ARTICOLO