Il latte preferito dalle mamme

Il mio bambino digrigna i denti!

16 Marzo 2016

  • Guida al Bambino

Il mio bambino digrigna i denti: perché? Quando il tuo piccolo dorme a volte inizia a digrignare i denti? Strofinare i denti tra loro durante il sonno molto comune tra grandi e piccini e prende il nome di bruxismo. Scopri quali sono le cause ed i rimedi per il bruxismo infantile diventi una (brutta) abitudine.

Bruxismo è il termine medico associato all’azione di digrignare i denti tra loro durante il sonno ma anche da svegli. È un fenomeno abbastanza comune e circa il 25% dei bimbi ne soffre, per poi superarlo crescendo. Ecco cosa lo causa e quali sono i possibili rimedi per evitare che tuo figlio digrigni i denti nel sonno e si causi danni ai dentini.

Perché i bambini digrignano i denti?

bruxismo-infantile

Il bruxismo nei bambini può avere più di una causa: quelle più comuni sono sicuramente il dolore causato dai denti da latte che spuntano o che non si allineano nel modo corretto ed il mal d’orecchi. Un bambino può digrignare i denti anche a causa della tensione che non riesce ad esprimere perché ancora troppo piccolo per farlo. Eventi come andare a scuola per la prima volta, essere arrabbiati con il fratellino o salutare un amico che trasloca, possono avere un ruolo centrale nel bruxismo notturno per un bambino. La sensibilità che caratterizza i più piccoli, infatti, agisce sulla loro psiche spesso somatizzando in un disturbo come il bruxismo. Con un po’ di pazienza da parte di mamma e papà ed il giusto aiuto del pediatra, però, tutto si può risolvere!

Non sempre la comparsa dei denti da latte è dolorosa. Per un bambino, però, è un evento del tutto sconosciuto e deve necessariamente abituarsi. Durante l’adattamento a questa nuova condizione può capitare che il piccolo possa soffrire di bruxismo già dai 5 o 6 mesi di vita, nel momento della comparsa della dentinazione.  La stessa storia si ripete con lo spuntare dei denti permanenti, verso i 6 anni di età. Il fenomeno del bruxismo infantile, solitamente, si presenta verso il terzo anno di età e dovrebbe terminare poco dopo i 6 anni.

Digrignare i denti è pericoloso per il bambino?

bruxismo-infantile

Oltre al rumore un po’ sgradevole, il bruxismo durante il sonno difficilmente provocherà danni ai denti del bambino e presto perderà quest’abitudine aiutato dall’amore e della serenità che mamma e papà gli trasmettono o se si risolve il problema che rende tuo figlio ansioso o nervoso.

Una visita dal dentista per avere l’opinione di un esperto non fa mai male e andrebbe fatta comunque anche qualora il bimbo non digrignasse i denti. Per i bambini più grandi, il dentista potrebbe consigliare l’uso di un bite (è l’apparecchio che serve ad evitare danni da digrignamento notturno). Questo tipo di soluzione, però, solitamente viene sconsigliata al di sotto del quinto anno di età.

Come aiutare un bimbo che digrigna i denti nel sonno

bruxismo-infantile

Nella maggior parte dei casi, il bambino smetterà da solo di digrignare i denti nel sonno. Basterà quindi aspettare semplicemente che smetta. Nel frattempo, però, vuoi sapere come aiutare un bambino che digrigna i denti nel sonno? Aiutalo a rilassarsi! Un modo può essere quello di fargli un bagno caldo prima di andare a dormire o la sua storia della buonanotte preferita: insomma, funziona con i grandi, perché non dovrebbe funzionare con tuo figlio? L’importante è che il bambino impari a distendersi, lo aiuterà tantissimo!

Nel caso in cui al bimbo stiano spuntando i primi denti da latte o abbia il mal d’orecchio e quindi il fenomeno si presenti in tutta la sua fastidiosità, chiedi consiglio al tuo medico per sapere se è il caso di somministrare delle medicine a tuo figlio. A volte, purtroppo, bisogna darsi un pizzicotto sulla pancia e dargli un calmante naturale o i farmaci consigliati dal pediatra. Sono casi molto rari, però, stai tranquilla! In entrambi i casi, il ciuccio può essere d’aiuto sia per sopportare il fastidio dei denti ed per evitare sfreghino tra loro procurando dei danni allo smalto dei denti.

Se hai dubbi sull’argomento e vuoi avere maggiori informazioni sul bruxismo infantile, puoi chiedere ai nostri esperti! 🙂

Photocredit: t32dental.com


COMMENTA L'ARTICOLO