Il latte preferito dalle mamme

Come capire se tuo figlio soffre di coliche

11 Gennaio 2017

  • Guida al Bambino

Quando un neonato di età inferiore ai 6 mesi piange disperato per buona parte della giornata, rendendo impossibile il proprio sonno e quello dei genitori, è molto probabile che soffra di un disturbo molto comune della prima infanzia, vale a dire le coliche.

Se anche tu temi che il tuo bambino possa avere questa patologia, che nella maggior parte dei casi tende a risolversi spontaneamente con l’introduzione dei cibi solidi, devi basarti sulla famosa “Regola del 3”: se il tuo piccolo piange per almeno 3 ore al giorno, per più di 3 giorni a settimana e per oltre 3 settimane consecutive è quasi certo che si tratti di un problema di coliche.

Ci sono però altri modi per capire se il tuo bambino soffre di questo disturbo: dato che infatti le coliche non sono altro che gas in eccesso accumulato dentro l’intestino, il suo pancino risulterà anche ad occhio nudo molto più gonfio e teso nel normale. Inoltre, un neonato che soffre di coliche, nel momento di maggior dolore, tenderà a stendere le gambine nel tentativo di far uscire l’aria.

Una volta notati tutti questi sintomi, la cosa migliore è sempre quella di far visitare il tuo bambino dal pediatra per avere la conferma della diagnosi di coliche e poter intervenire nel modo più corretto. Nel frattempo, però,ci sono una serie di semplici rimedi anticoliche che puoi utilizzare per ridurre dolore e fastidio al tuo piccolo: si tratta di rimedi del tutto naturali che le mamme di tutto il mondo hanno sempre utilizzato per cercare di far stare meglio i propri pargoliin caso di coliche.

1 Massaggi circolari sulla pancia

I bambini molto piccoli adorano il contatto fisico e i massaggi: questo è ancora più vero in caso di coliche perché il massaggio li aiuta a distendersi e ad alleviare la tensione. Prova allora ad effettuare dei lievi massaggi circolari sul suo pancino per aiutarlo a far uscire l’aria e a ridurre così il dolore.

2 Metterlo a pancia in giù

Anche se è sconsigliato far dormire i bambini molto piccoli a pancia sotto, la posizione prona potrebbe aiutare il tuo bambino ad alleviare il fastidio delle coliche. Fallo quindi distendere sul tuo avanbraccio mettendo la tua mano sotto la sua pancia. Se anche in questo modo il pianto non cessa, prova ad esercitare dei lievi colpetti sulla sua schiena per favorire il rilascio dei gas. Un’altra posizione utile a ridurre il rischio di coliche è quella eretta: dopo la poppata, prendilo dunque in braccio e appoggia il suo mento sulla tua spalla massaggiandoli delicatamente le spalle fino a che non fa il ruttino.

3 Movimenti e dondolii

Se il dolore proprio non passa un rimedio che in moltissimi casi di rivela efficace è quello di mettere il tuo piccolo nel porta enfant, esercitando il classico movimento avanti indietro. In alternativa, se in casa non hai spazio sufficiente per spostarti, prova a prendere il neonato in braccio e a cullarlo con un movimento oscillatorio delle braccia. In via del tutto eccezionale – e se l’orario lo consente – puoi ricorrere alla soluzione del giretto in auto posizionando il tuo bimbo sull’ovetto o sull’apposito seggiolino.

4 Offrire il biberon o il ciuccio

La suzione non aiuta solo il bambino a rilassarsi ma favorisce anche il ritorno alla normale respirazione e concilia il sonno. Offrire dunque al tuo piccolo la tettarella del biberon o il ciuccio potrebbe favorire il ritorno alla normalità durante un attacco di coliche.

5 Ridurre i rumori troppo forti

Il neonato fino a che si trova nella pancia della mamma vive in un ambiente ovattato, con luci e suoni smorzati nella loro intensità dalle pareti dell’utero e dal liquido amniotico. Trovarsi all’improvviso all’esterno in un mondo decisamente più movimentato potrebbe generare nel tuo piccolo ansia e preoccupazione, fino ad innescare eccessivo nervosismo ed irritabilità che spesso sono concausa delle crisi di coliche. Ecco dunque che nel caso di neonati che soffrono di mal di pancia risulta molto utile ridurre l’intensità delle luci e dei rumori presenti in casa.

6 Somministrare delle tisane

In alcuni casi si rivela utile somministrare al neonato che soffre di colichetisane a base di finocchio, camomilla o altre piante dalle proprietà lenitive e calmanti. Anche se in farmacia e sanitaria se ne trovano di diversi tipi, è sempre preferibile chiedere consiglio al pediatra su quale prodotto utilizzare. Non tutti infatti sono concordi sulla reale efficace di questi metodi, che anzi potrebbero influire negativamente sull’allattamento in quanto l’ingestione di liquidi in eccesso innesca nel bambino un finto senso di sazietà che, alle lunghe, può ridurre la richiesta di latte tramite le poppate.

Tieni comunque presente che, nella maggior parte dei casi, le coliche tenderanno a sparire quanto l’apparato digerente diventerà più maturo oppure quando, durante la prima fase dello svezzamento, passerai dal cibo liquido a quello solido.


COMMENTA L'ARTICOLO