Il latte preferito dalle mamme

Come sconfiggere il caldo in gravidanza

22 Luglio 2016

  • Guida alla Gravidanza

Il caldo è uno dei principali problemi in estate. Se sei una donna e, per di più, in dolce attesa il caldo in gravidanza può essere davvero insopportabile. Quali sono i principali accorgimenti da seguire per trascorrere una serena estate per te ed il tuo bambino? Scopriamoli insieme!

Bevi molto

Il caldo in gravidanza può nuocere alla mamma ed al bimbo. Una corretta idratazione è il primo e fondamentale accorgimento da seguire per difendere la tua salute e quella di tuo figlio. In gravidanza, il tuo corpo è sottoposto ad una serie di cambiamenti: aumenta il volume del sangue per portarne anche alla placenta ed aumenta la richiesta di sali minerali e liquidi. Se ci aggiungi anche l’eccessiva sudorazione dovuta all’intenso calore, ecco che ottieni uno dei nemici della gravidanza in estate: la disidratazione. Quali sono i sintomi?

• sete intensa

• crampi muscolari, soprattutto di notte

• debolezza

• vertigini

• palpitazioni

• ansia

• pelle e mucose asciutte

• abbassamento della pressione arteriosa

Per combattere la disidratazione, il Ministero della Salute raccomanda di reintegrare i liquidi attraverso l’assunzione di molta acqua e di altre bevande dissetanti (attenzione alla temperatura!) e di contattare immediatamente il ginecologo che ti segue se i sintomi sopra descritti non  dovessero trovare sollievo.

Evitare le bevande con molti zuccheri

È vero che bisogna idratarsi durante le ore di caldo e bere almeno due litri di acqua al giorno ma è importante farlo anche correttamente. Bisogna necessariamente evitare (o almeno limitare) il consumo di bevande gassate ed estremamente zuccherate ed il tè ed il caffè, perché aumentano la pressione sanguigna e rendono nervosi, facendo percepire ancora più caldo alla mamma. Anche la temperatura  a cui vengono servite le bevande è importante: meglio evitare di assumere bevande molto fredde per scongiurare congestioni ed altri malesseri.

Pasti leggeri e lontane dalle fonti di calore

Il Ministero della Salute, poi, raccomanda di fare pasti leggeri e di fare attenzione alla preparazione e alla conservazione dei cibi. Altri consigli sono:

• Migliora il microclima della tua abitazione oscurando le finestre dove batte il sole con tende, persiane, veneziane o altri accorgimenti. • Chiudi le finestre durante il giorno (specialmente quando batte il sole), aprendole durante le ore più fresche della giornata. Trascorri le ore più calde nella stanza più fresca della casa.

• Se possiedi un condizionatore, regola la temperatura tra i 24 e i 26 gradi; evita l’uso contemporaneo di elettrodomestici che producono calore e consumano energia.

• Se sei accaldata, fai bagni e docce con acqua tiepida, bagna viso e braccia con acqua fresca.

• Indossa indumenti leggeri.


COMMENTA L'ARTICOLO