Il latte preferito dalle mamme

Il corredino del Neonato [Prima Parte]

19 Dicembre 2014

  • Il Mondo dei Bimbi

Sta per arrivare! Chi? Come chi? Il tuo bambino! Mesi di attesa, ore ed ore passate ad immaginare che faccia avrà, a chi somiglierà di più, a fare uno shopping folle senza un ordine preciso e… a buttare soldi perché non sai da dove cominciare per fare gli acquisti giusti per il corredino del neonato che sta arrivando!

La fase dello shopping folle per una che sta per diventare mamma è accettabilissima ma, ad un certo punto, a noi donne, si sa, devi mettere un freno altrimenti la casa acquistata con tanti sacrifici potremmo ipotecarla per un altro paio di pantofoline peluchose (quando ne abbiamo già acquistate quindi appena ieri). Il freno chi ce lo deve dare? Ovviamente il buon senso! Buonsenso, amico, dove sei? Ci servi! 🙂

  • biancheria intima: è il primo strato di stoffa con cui il bimbo viene a contatto quindi prediligiamo il cotone o comunque fibre naturali. La tipologia di capi da acquistare è semplice: body e magliette sono da prediligere evitando ricami, bottoni e cuciture spesse perché potrebbero dare fastidio alla pelle del bambino. Da eliminare completamente le etichette dai capi!
  • tutine: non esagerare nel numero di capi acquistati! E’ vero che il bimbo spesso e volentieri può rigurgitare, fare pipì o la tutina può macchiarsi di latte però a tutto c’è un limite! 🙂 Le fibre da prediligere sono il cotone (leggero nei mesi estivi e felpato se nasce in autunno o in inverno inoltrato) o la morbidissima ciniglia.
  • golfini, ghette, mutandine, calzini, cappellini, bavaglini e chi più ne ha più ne metta: proteggere la pelle del bimbo è fondamentale e scegliere i giusti accessori è importante! Scegli fibre e tessuti traspiranti, naturali e vedrai che la pelle del tuo bimbo ti ringrazierà! 🙂

Qualche altro capo di cui ci siamo dimenticati? Suggeriscilo nei commenti!

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia la tua opinione e continua a seguirci su bimbo&mamma.it! 🙂

Credits Photo: Pixabay.com


COMMENTA L'ARTICOLO