Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facoltà di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attività di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sarò lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilità, infertilità e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

tiziana

Buongiorno,
sono una donna di 41 anni, con 2 figli partoriti con tc. Ieri mattina, durante un check-up generale, in 15′ giornata dal ciclo, ho effettuato anche la visita ginecologica. La dottoressa mi ha detto che il mio endometrio era spesso e che avrebbe voluto rivedermi all’inizio del prossimo ciclo. E’ stata di poche parole e non mi ha dato alcuna spiegazione e/o ipotesi. In serata sono andata dal mio ginecologo di fiducia, il quale mi ha tranquillizzata dicendomi che il mio endometrio era sì ispessito ma che fosse normale per la fase del ciclo. Ora, però, mi è venuto un dubbio che mi preoccupa: come fa il mio ginecologo a dirmi che va tutto bene senza aver valutato se l’endometrio, in fase iniziale di ciclo, torna sottile? E’ possibile che misurandolo nella fase in cui ero (non mi ha comunicato la misura) possa avere stabilito che l’ispessimento fosse fisiologico? Mi spiego meglio: se avessi un ispessimento patologico, lo si vedrebbe anche nella fase di ciclo in cui sono? (15 giorni um)
Spero di essere stata chiara e vi ringrazio per la consulenza perché sono piuttosto preoccupata.
Cordialità

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissima sono d'accordo con il suo ginecologo e le spego perchè. Una donna di 41 anni che ha partorito ha sempre un endometrio espessito che poi ritorna sottile dopo la mestruazione. Ovviamente il suo ginecologo di fiducia la conosce come paziente, l'ecografista da semplicemente un dato oggettivo ed è corretto rivalutare la situazione appena passa la prossima mestruazione. Se poi mi comunica anche quanti mm. era spesso l'endometrio potrei esserle piu preciso, In conclusione non mi preoccuperei più di tanto. La saluto cordialmente

Invia una domanda