Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facoltà di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attività di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sarò lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilità, infertilità e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

anna

Cara Dott.ssa, sono una ragazza di 21 anni; a fine gennaio ho fatto una visita ginecologica con pap test nel quale é stata trovata la presenza di agenti microbici morfologicamente riferibili a Candida sp. e flora polimicrobica. La mia ginecologa, nel referto citopatologico ha definito flogosi lieve−media con alterazioni cellulari di probabile origine flogistica. Mi ha quindi ordinato la seguente cura: Fitostimoline ovuli (un ovulo al dଠper 8, sera) e fitostimoline lavanda (una al dଠper 8, mattina). Inoltre mi ha cambiato la pillola da Ginoden a Jasminelle. Nonostante la terapia, i fastidi (minzione frequente, bruciore durante e dopo la minzione, sensazione di dover urinare spesso, nessuna perdita, bruciore vaginale dopo il rapporto sessuale) sono continuati quindi la Dott.ssa di base mi ha ordinato esami del sangue e urinocoltura. Nell‘ultimo mese ho preso 2 bustine di Monuril perché pensavo di trattasse di una normale cistite ma a distanza di 2 settimane i sintomi sono tornati. Sono soggetta a placche in gola quindi faccio spesso uso di antibiotici (Zimox) inoltre, nell‘ultima settimana mi si é manifestata una reazione allergica agli antibiotici molto forte curata con punture Trimeton 10 mg/1 ml (soluzione iniettabile clorfinamina maleato), Bentelan 0,5 mg (compresse effervescenti betametasone disodio fosfato), Kestine 10 mg liofilizzato orale ebastina quindi antistaminici e cortisone. Quanto devo aspettare per poter fare gli esami del sangue e delle urine? Ma in caso di infezione non dovrebbe essere stata curata con i vari antibiotici presi per le placche o con il cortisone preso contro l‘allergia? In base alle poche informazioni che le ho dato secondo lei ho un‘infezione vaginale? vaginite, uretrite, candida, clamidia, gonorrea? Come posso stare meglio intanto che aspetto di poter fare l‘urinocoltura e gli eventuali esiti? La ringrazio per l‘attenzione. Anna

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissima Sig.ra

dopo 10 giorni dall‘ultima somministrazione di un antibiotico lei può eseguire l‘urinocoltura ma se ho capito bene le è stata anche diagnosticata una candidosi e per questo mi pare che lei non abbia fatto terapia.

Il consiglio faccia gli esami prescritti e ci aggiunga anche un tampone vaginale per controllare se ci sono segni tangibili di vaginite.

La saluto cordialmente

Invia una domanda