Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facoltà di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attività di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sarò lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilità, infertilità e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

edoardo

Caro dottore, Le scrivo perché ho alcune domande relativamente a Clamidia, Malattia Infiammatoria Pelvica (PID) ed occlusione delle tube. La mia ragazza ha avuto un episodio di Clamidia da una precedente relazione ed io, dopo aver fatto delle ricerche via internet, vorrei dei chiarimenti da parte di un medico su alcuni punti. Secondo i suoi calcoli, la mia ragazza ha avuto la Clamidia per tre anni prima di scoprirlo, cioé pensa di averla contratta quando aveva circa 21 anni. Aveva dei bruciori e per questo motivo si é sottoposta a degli esami. L‘anno scorso (24 anni) si é sottoposta ad un intervento chirurgico per la riapertura delle tube. Non sa se la Clamidia le abbia causato anche la PID. Prima di contrarre la Clamidia, a 20 anni, ha anche avuto un‘interruazione volontaria di gravidanza. Le domande che io ho ancora, dopo essermi informato su alcuni forum, sono le seguenti: 1− La Clamidia, per bloccare le tube, deve necessariamente degenerare in PID? In altre parole, il blocco delle tube implica che la mia ragazza abbia contratto la PID oppure la Clamidia può bloccare le tube indipendentemente dalla PID? Ci sono differenze negli effetti di Clamidia e PID per quanto riguarda il blocco delle tube? 2− PID e Clamidia danneggiano solo le tube oppure anche le ovaie e l‘utero? Nel caso, che effetti hanno su ovaie ed utero? Sono al corrente che gli effetti di Clamidia e PID possono essere molto diversi da persona a persona, ma vorrei avere un‘idea migliore della situazione della mia ragazza con le (poche) informazioni di cui dispongo. Grazie mille,

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissimo

La malattia infiammatoria della pelvi (Pelvic Inflammatory Disease, PID) è una delle cause principali di morbilità ginecologica, quali l‘infertilità, la gravidanza ectopica e il dolore pelvico cronico. La diagnosi e il trattamento devono essere solleciti per evitare queste sequele.

La PID si verifica comunemente nelle donne < 35 anni. È raro che si verifichi prima del menarca, dopo la menopausa o durante la gravidanza. I fattori di rischio per la PID acuta includono i numerosi partner sessuali, una precedente PID, l‘uso di un IUD, la presenza di una vaginosi batterica o di una STD, la nulliparità e una recente procedura invasiva a carico dell‘utero (p. es., un aborto). I contraccettivi orali riducono il rischio di sviluppare una PID acuta.

La PID è causata da microrganismi trasmessi durante il rapporto sessuale, le procedure invasive, l‘aborto o il parto. L‘infezione è, di solito, multifattoriale, coinvolgendo organismi aerobi e anaerobi.

Tra i germi responsabili della PID la Clamidia ne rappresenta il 5% .

Solo le tube sono gli organi bersaglio di questi germi che sono responsabili dell‘infertilità.

Sicuramente dopo l‘intervento la sua ragazza guarirà e non ci dovrebbero essere problemi.

A disposiczione per ogni chiarimento.

Invia una domanda