Il latte preferito dalle mamme

Barbara Paolinelli

Psicologa e Psicoterapeuta

Sono psicologa e psicoterapeuta, iscritta all’Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento, luogo in cui svolgo la libera professione. Sono lieta di rispondere a domande che riguardano la genitorialità e altre problematiche di natura psicologica legate all’infanzia.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

giuseppe

Gentile dott.ssa Paolinelli, già  tempo fa mi sono servito della sua disponibilità  e competenza per avere un suo parere sull‘atteggiamento a volte aggressivo del mio bambino nei confronti degli altri bimbi (nello specifico tirava loro i capelli); quanto da lei scritto nella risposta, oltre ad avermi lì per lì tranquillizzato, si é poi verificato nei fatti dimostrando come certi atteggiamenti fossero frutto di una fase passeggera. Ho ancora bisogno di un suo consiglio: mio figlio, che adora l‘acqua e non ha mai avuto problemi particolari con il bagnetto, salvo casi sporadici in cui non gradiva il getto d‘accqua sui capelli, da qualche settimana strilla e si dispera quando deve fare il bagnetto o semplicemente lavarsi il viso, continuando comunque ad adorare l‘acqua quando gioca. Questo atteggiamento é venuto fuori da quando é con la mamma nella casa di vacanza; ho pensato che il problema sia dovuto in parte anche a questo cambiamento ed ho pensato di fargli avere quanto prima possibile i giochi che usava a casa al momento del bagnetto per cercare di ricostruire un ambiente che fino a poco tempo fa era per lui solo motivo di gioia. Pensa che la cosa possa essere utile? cosa mi consiglia? Il piccolo ha due anni. La ringrazio in anticipo per i consigli che mi vorrà  fornire. Grazie.

L’ESPERTO RISPONDE…

Caro Giuseppe, grazie per avere scritto di nuovo! Rispetto alla sua domanda credo che sia una buona idea quella di ricreare un ambiente il più familiare possibile per il piccolo. Sarebbe anche importante che sia lei a poter parlare, anche solo telefonicamente con il piccolo, e dirgli con due− tre semplici parole, che “il papà gli porterà i suoi giochini così lui potrà fare il bagnetto come a casa”.  Il bimbo va sollecitato un po’ nel lavarsi, ma dolcemente, infatti credo che si stia godendo un po’ di riposo e voglia proprio farlo fino in fondo e allora anche lavarsi diventa faticoso!

Buone vacanze!

Invia una domanda