Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facoltà di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attività di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sarò lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilità, infertilità e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

chiara

gentile dottore. ho 32 anni e sono all ottava settimana della mia prima gravidanza. per ora la dottoressa non mi ha fatto esami del sangue ma mi ha detto che me li fara‘ fare alla prossima visita. l ultima ecografia ha rivelato due sacche e due embrioni. io sono un po turbata perche non mi aspettavo dei gemelli. come e‘ possibile sapere se sono omozigoti o dizigoti? e poi e‘ possibile che uno dei due non viva e si stacchi e l altri rimane? e in caso entrambi crescano, e‘ davvero molto piu rischiosa la gravidanza gemellare? un ultima domanda: come posso sapere se ci sono malformazioni nei miei bambini? vengono fatte analisi in proposito o solo se si ha piu di 35 anni? grazie Chiara

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissima Sig.ra

spero di essere chiaro nella risposta. I gemelli omozigoti ovvero identici spesso hanno una sola placenta ma possono essere in due sacche differenti. I gemeli bizigoti invece hanno semore due sacche ben distinte e due placente. E‘ vero che in una fase iniziale può succedere che uno dei due embrioni non riesca a sopravvivere per molteplici motivi e quindi una iniziale gravidanza gemellare si trasformi in una gravidanza singola. Las gravidanza gemellare non è più rischiosa ma soltanto più laboriosa, nel senso che l‘utero cresce rapidamente, ci sono rischi per un parto pretermine e quindi si consiglia negli ultimi mesi di gestazione il riposo proprio per arrivare ad un epoca giusta per il parto. Lei si sottoporrà  ovviamente a tutte le ecografia di routine che sono in grado di scoprire il 90 % delle malformazioni. Ad esempio alla 12 settimana deve fare lo studio della traslucenza nucale per avere un‘indicazione se eseguire o meno l‘amniocentesi ( che in questo caso consisterà in una doppia puntura, una per ogni feto). L‘ecografia strutturale alla 20 settimana di gestazione per valutare la morfologia degli organi di entrambi i feti e poi i soliti controlli di sangue di routine per garantire a lei e ai suoi piccoli una perfetta gestazione.

Spero di non averla annoiata le faccio i mei auguri "doppi" e se posso esserLe utile sono a sua disposizione. 

Invia una domanda