Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facoltà di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attività di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sarò lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilità, infertilità e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

Alice Brunazzi

Salve
in data 11/7 ho avuto un rapporto con eiaculazione interna (il tutto dovuto ad un preservativo rotto), e ho assunto la pillola in questione dopo meno di un’ora.
A distanza di circa 18 ore dall’assunzione ho avuto conati di vomito a causa di cibo guasto, ma sul foglietto illustrativo era segnalato un possibile periodo entro le tre ore dall’ingerimento (il che mi ha tranquillizzata). Sei giorni dopo, il 17/7, ho avuto le famose perdite ematiche (di un colore diverso ogni ora) durate due giorni. Attualmente è dal 21 che ho i capezzoli (solo i capezzoli) estremamente doloranti, e informandomi ho scoperto essere sia sintomo di gravidanza, sia possibilmente causati dalla botta ormonale indotta. Il ciclo è previsto per il 30, ma non brilla di regolarità, e vorrei avere la sicurezza che i tre sintomi che ho presentato siano riconducibili alla pillola e non ad una gravidanza. Provando a informarmi su internet ho letto solamente pareri contrastanti e confusi, quindi non so più che pesci pigliare.
Grazie per l’attenzione.

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissima

deve solo attendere tutti i disturbi sono dovuti alla pillola del giorno dopo.
La saluto cordialmente

Invia una domanda