Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facoltà di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attività di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sarò lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilità, infertilità e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

Nica Cer

Buonasera Dottore…le scrivo poichè sono avvilita come non mai…ho vissuto questa gravidanza nel peggiore dei modi poiché reduce da un aborto e purtroppo a partire già dalla 16esima settimana il piccolo che porto in grembo ha iniziato a manifestare un ritardo di crescita. Sono stremata poiche ora da 1 settimane iniziale sono arrivata a 4. Doveva essere la mia 33 esima settimana e mezza e invece mi ritrovo a 29.4…Praticamente un mese indietro. Il ritardo fa sempre lo stesso iter…Si mantiene stabile per un Po e poi ci sta il crollo…così a maggio così adesso… Il piccolo pesa solo 1450 grammi. Io mi sto ammalando davvero. Non faccio che pensare che sta andando tutto a rotoli. Lo sento scalciare anche poco, meno vigorosamente di prima anche se il ginecologo lo addebita alla nuova posizione assunta dal feto e mi dice che si muove durante eco. Lui mi rassicura che non vede la situazione tanto drammatica ma io sto vivendo in modo davvero atroce tutto, al punto di piangere all’improvviso…essere nervosa…triste…perdere la voglia di tutto, di fare qualsiasi cosa….Tranne l’incremento ponderale, le mie analisi e i miei flussi sono ok. La placenta irrora bene il feto. I test genetici sono buoni e il ginecologo mi ha sempre detto che il bimbo non ha secondo lui patologie cm il nanismo. Io peró sto impazzendo. So che nn mi fa bene stare così, sto litigando con il mondo intero e la mia vita sta diventando un inferno…Sto assumendo per ora ancora aspirinetta che dovrebbe essere d’aiuto…ma mi chiedo…è realmente così? Tra un po dovrei anche sospenderla (fa riferimento la mia 33 esima settimana o l età del bimbo di 29.4?) Ci sta qualcosa che posso fare per aiutare il piccolo? Terapie o centri in cui possono in qualche modo aiutarmi a farlo crescere? Quando si manifesta un ritardo di questo tipo (stabile per un Po e poi ad un controllo mi trovo che perde una settimana di colpo)?. La ringrazio infinitamente ..Sono molto giu….

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissima

la sua è considerata una gravidanza a rischio e pertanto dovrebbe essere seguita da un centro che si occupa di queste patologia. Al posto della cardio aspinina si utilizza l’eparina a basso peso molecolare ma ovviamnete deve essere lo specialista che lo deve prescrivere considerando moltissime variabili. Il mio consiglio è quello di stringere i denti perchè le condizioni fetali cambiano da settimana a settimana. Se è stata esclusa una causa genetica, il roblema rimane solo quello di un’insufficienza placentare. Controlli ossessivamente la sua pressione e faccia una volta a settimana l’esamedelle urine per controllare la presenza o meno di albumina. Si attenderà fino a quando il feto non supererà i 2000 gr. di peso per decidere un’eventuale parto.

Si rilassi e mi faccia sapere.

La saluto cordialmente

Invia una domanda