Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facoltà di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attività di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sarò lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilità, infertilità e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

Annarosa Cappelli

Salve,avrei bisogno di una consulenza. Il giorno 6/03 ho avuto un rapporto protetto ma al termine il preservativo si è rotto e di conseguenza è avvenuta una eiaculazione all\’interno. Il giorno seguente,a circa 12-15 ore dal rapporto a rischio ho assunto norlevo. Dopo qualche giorno ho avuto delle perdite di sangue,presumo spotting,durate 2-3 giorni ma molto scarse. Ad oggi ho un ritardo di 5 giorni. Premetto che il mio ciclo sia regolare(27gg) ma le mestruazioni non si sono ancora presentate. Ho dolori non costanti alle ovaie,ai reni,a volte senso di nausea e mal di testa. Informandomi presumo che al momento del rapporto a rischio non ero nel periodo feritile proprio perché due giorni dopo le mestruazioni è avvenuto. Mi chiedo se questi sintomi siano dovuti all’assunzione della pillola e se la possibilità di una gravidanza sia alquanto bassa. Questo dubbio mi provoca molto stress e ansia. La ringrazio in anticipo per la sua risposta dottore

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissima

ha assunto regolarmente la pillola del giorno dopo quindi ha sicuramente  protetto il rapporto a rischio.
la saluto cordialmente

Invia una domanda