Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facoltà di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attività di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sarò lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilità, infertilità e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

elena

Salve, devo ringraziarla davvero tanto per aver risposto alle mie email e spero che anche stavolta io possa sentirmi rassicurata da una sua eventuale risposta; la questione é questa: al prossimo ciclo dovrei iniziare ad usare l‘anello vaginale come soluzione contraccettiva, in quanto dopo ivg e conseguente visita ginecologica sono arrivata alla conclusione che un contraccettivo ormonale sia forse il metodo più sicuro, anche se non quello che mi rassicura dal punto di vista degli effetti collaterali. Ho preso in considerazione anche la spirale ma la mia ginecologa me l‘ha sconsigliata dopo ivg e anche perché non ho mai partorito. Lei cosa ne pensa?Questo metodo sarebbe stato più sicuro almeno sotto il profilo effetti collaterali. Per quanto riguarda la scelta dell‘anello e non della pillola é legata al fatto che soffro di colon irritabile e diarrea, e per questo motivo non potrei assumere la pillola per eventuali problemi di assorbimento della stessa. Allora mi chiedo: gli effetti collaterali dell‘anello sono del tutto simili a quelli della pillola? La mini pillola ridurrebbe questi effetti collaterali? se si, non esiste una variante della stessa ma in forma vaginale? Gli effetti collaterali che pi๠mi preoccupano (anche se non sono quelli pi๠gravi, ma sono una ragazza giovane e spero lei mi possa capire) e che sento spesso in giro é la ritenzione idrica/ cellulite (ne ho, nonostante i miei 25 anni anche se poca, non vorrei aumentasse sostanzialmente con l‘uso di questo metodo contraccettvo) e l‘aumento di peso (sono normo peso ma mi chiedevo se gli ormoni potessero causare qualche tipo di disfunzione alla tiroide, visto che da analisi precedenti il medico mi disse che ero quasi al limite con i valori; mia mamma soffre di ipertiroidismo da qualche anno). Queste preoccupazioni hanno un fondamento scientifico? C‘é chi dice che il metodo ormonale di contraccezione ha questi effetti collaterali e chi no; qual‘é la verità ? Vorrei sapere a cosa vado incontro davvero con l‘assunzione di ormoni. Sperando di non essermi dilungata troppo e in attesa della sua gentile risposta, ringrazio e porgo distinti saluti.

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissima SIg.ra
l‘anello vaginale ha come sua caratteristica quella di non avere grandi effetti collaterali perchè l‘ormone viene assorbito in maniera costante nelle 24 ore e perchè non vi è un coinvolgimento dello stomaco.

Ovviamente è un farmaco che deve essere controllato nel tempo dal suo ginecologo con esami del sangue e con un pap test all‘anno. Le controindicazioni sono veramente minime e se lei non esagera nell‘alimentazione e ha uno stile di vita regolare con un pò di sport, vedrà che non avrà ritenzione idrica.

Stia serena e segua i consigli dello specialista.

la saluto cordialmente.

Invia una domanda