Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facoltà di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attività di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sarò lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilità, infertilità e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

anna

Salve dottore la contatto per avere alcune informazioni.. Un anno e mezzo fa dopo un Pap test ho scoperto di essere positiva per il papilloma virus, in seguito ho fatto la colposcopia che ha riscontrato alcune lesioni nel tratto vaginale e sul collo dell’utero. Successivamente ho fatto tutti i controlli consigliati e il pap test è risultato per due volte negativo e colposcopia negativa per cui penso di esserne uscita ma mi resta il dubbio su come comportarmi col mio compagno.. Come posso evitare che possa infettarmi nuovamente? Apparentemente lui non ha niente ma presumo di averlo preso da lui visto che non ho avuto altri partner nell’arco di 5 anni. Deve fare degli accertamenti? Quali? Posso contrarre nuovamente lo stesso virus? La ringrazio molto!

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissima non deve avere alcuna precauzione. Lei viene considerata guarita e quindi non deve prendere alcuna precauzione. Per sua serenita le invio le indicazioni del ministero della salute. L’infezione da Hpv è molto frequente nella popolazione: si stima infatti che fino all’80% delle donne sessualmente attive si infetti nel corso della vita con un virus Hpv, con un picco di prevalenza nelle giovani donne fino a 25 anni di età. La storia naturale dell’infezione è fortemente condizionata dall’equilibrio che si instaura fra ospite e virus. Esistono, infatti, tre possibilità di evoluzione dell’infezione da Hpv: regressione, persistenza e progressione. La maggior parte delle infezioni da Hpv è transitoria, perché il virus viene eliminato dal sistema immunitario prima di sviluppare un effetto patogeno. Il 60-90% delle infezioni da Hpv, incluse quelle da tipi oncogeni, si risolve spontaneamente entro 1-2 anni dal contagio. La persistenza dell’infezione virale è invece la condizione necessaria per l’evoluzione verso il carcinoma. La saluto cordialmente

Invia una domanda