Il latte preferito dalle mamme

Barbara Paolinelli

Psicologa e Psicoterapeuta

Sono psicologa e psicoterapeuta, iscritta all’Ordine degli Psicologi della Provincia di Trento, luogo in cui svolgo la libera professione. Sono lieta di rispondere a domande che riguardano la genitorialità e altre problematiche di natura psicologica legate all’infanzia.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

chiara

Salve dottoressa.
sono una ragazza di 28 anni e mio marito 35, siamo sposati da circa due anni. Siamo una coppia molto complice e molto unita e solare. Abbiamo affrontano tanti momenti di gioia tra viaggi , amici, uscite e , purtroppo momenti tristi e duri che sembrano non lasciarci mai, il divorzio di mia sorella, la morte di mio papà a pochi giorni la nostro matrimonio e aimè un aborto poco fà. Ma siamo sempre stati uniti.
In questi ultimi periodi i litigi aumentano , sopratutto la domenica quando entrambi siamo a casa, giorno che dedico alla casa, entrambi lavoriamo, e spesso capita che le discussioni sono quasi sempre per le faccende di casa, io sono una tipa troppo precisa,e so di essere in errore e voglio che ogni cosa ritorni al suo posto, e faccio 3000 cose, lui il mio opposto, il divano il suo mondo.
So bene che lui ha fatto dei cambiamenti rispetto a casa sua che non faceva un tubo. Ma i tempi sono cambiati rispetto a quando era da sua mamma ,ho bisogno di un minimo aiuto, visto che entrambi lavoriamo. Sembra come se sia scontato che una donna debba fare tutto, e questo non mi sta bene…anche per me la domenica è giorno relax. Ho più volte affrontato questo discorso, cercato anche di dividere i compiti, dando anche minimo incarico, tipo spazzatura e foletto ogni tanto , ma aimè lo fra per un po e poi si” dimentica”, quindi come una madre devo ricordarlo… Vorrei che fosse più responsabile e mi chiedo ma se ora che siamo in due non hai voglia di fare queste cose minime per aiutarmi… ora che ci sarà un bambino che farò? io già cosi mi sento “stressata “a star dietro e ricordarli le sue responsabilità quando ci sarà un bambino sarà sempre così? dovremmo litigare sempre?
Mi consigli per favore un modo per cercare di far ritornare la pace in me che oramai vivo questa situazione in modo pesante , vorrei una persona più responsabile, forse o sicuramente sbaglio il modo… Aspetto un suo consiglio per cercare anche astuzia anche una soluzione! voglio solo un po di serenità!

L’ESPERTO RISPONDE…

Cara Chiara, il vostro rapporto di coppia sembra piuttosto consolidato. Lei e suo marito avete condiviso un matrimonio e vi siete supportati in momenti belli e anche in quelli brutti. Dovete usare queste esperienze in comune e mettere altre energie per costruire ancora insieme! Lei scrive di se che è molto precisina, mentre suo marito trascorre il tempo libero sul divano. Si accorge che parlate due linguaggi diversi? È come se lei facesse anche per lui, si stressa da matti e lui neanche se ne accorge. Inizi a rallentare i suoi ritmi, a fare meno, a lasciare indietro qualcosa e a stare anche lei seduta sul divano accanto a suo marito. Le sembrerà strano quello che le scrivo, perché lei mi ha chiesto qualche astuzia per “attivare” suo marito. Purtroppo, le persone non cambiano, a meno che non decidano di cambiare, e infatti suo marito la aiuta qualche volta e poi “si dimentica”. Si attivi un po' di meno lei, e vedrà che suo marito qualche cosa la farà, ovviamente coi suoi modi e coi suoi tempi (lenti), non avendo l’abitudine di fare le faccende domestiche. Rallenti i suoi ritmi e chieda aiuto a suo marito, dando indicazioni di volta in volta (ora aspira la polvere. Bene! Ora fai il letto). Non credo che suo marito automatizzerà le pulizie (purtroppo), ma dovrà avere lei la pazienza di “ricordare” di volta in volta. Altro suggerimento: si accontenti di come fa le cose lui, dando piccoli suggerimenti per la volta successiva, per evitare che suo marito si senta giudicato. Se ha bisogno di aiuto, può pensare a un saltuario aiuto domestico. Un augurio di cuore!

Invia una domanda