Il latte preferito dalle mamme

Francesco Rando

Ginecologo

Sono un Medico Chirurgo Specializzato in Ginecologia ed Ostetricia presso la Facoltà di Medicina di Napoli, laureato a pieni voti. Svolgo anche attività di docente di chimica cosmetologia, fisiologia e dermatologia e sono autore di numerose pubblicazioni scientifiche. Pratico la mia professione in varie strutture ospedaliere a Napoli e sono esperto in ecografie 3D. Sarò lieto di rispondere ad eventuali dubbi legati a contraccezione, fertilità, infertilità e gravidanza.

Per informazioni più precise sullo stato del bambino e sulle domande esposte su questo sito si prega di consultare uno specialista.

perla

Salve, lunedi‘ scorso ho eseguito la villocentesi alla 11+3.La mia placenta era posteriore.Nei giorni successivi ho avuto un po‘ di indolenzimento e di piccole fitte,ma nulla di piu‘.La mia ansia piu‘ grande e‘ questa:insieme a me c‘erano altre 2 ragazze e solo a me hanno prescritto un antibiotico.La mia domanda e‘ questa:a Suo parere me l‘hanno prescritto perche‘ la placenta era posteriore o perche‘ si sono accorti che magari qualcosa potrebbe non andare?… Ed e‘ poi vero che con placenta posteriore il rischio abortivo e‘ superiore ?grazie infinite se vorra‘ rispondermi

L’ESPERTO RISPONDE…

Gentilissima Sig.ra

in genere l‘antibiotico va prescritto a tutte le donne che eseguono la villocentesi o l‘amniocentesi. Questo per prevenire eventuali infezioni dovute alla procedura invasiva.

Non credo che ci siano problemi e quindi può stare tranquilla.

a presto

Invia una domanda