Il latte preferito dalle mamme

Prodotti per igiene del neonato: quali scegliere?

28 Gennaio 2019

  • Guida al Bambino

Finalmente il tuo bambino è nato: scommettiamo che non vedi l’ora di fargli il primo bagnetto? Già, ma cosa comprare per far sì che la sua pelle sia profumata e detersa nel modo più delicato possibile? Guardando, infatti, sugli scaffali di un negozio di prodotti per igiene del neonato, ti accorgerai che ci sono tantissimi tipi di articoli, così tanti che la scelta potrebbe non essere facile.

Ecco allora una serie di consigli che pensiamo possano esserti utile a scegliere l’insieme di prodotti per il cambio e per il bagnetto migliore per te e soprattutto per il tuo bambino.

Igiene del neonato: i prodotti per il bagnetto

La pelle del neonato, come ben sai, è particolarmente delicata perché priva delle normali difese che ha la pelle di un adulto. Tutte le sostanze con cui entra in contatto la cute del bambino tendono quindi a penetrare in profondità, esponendo il piccolo ad irritazioni ed allergie. Ecco perché, quando si tratta di neonati, bisogna sempre optare per detergenti specifici adatti alla loro età.

Attenzione, però, questo non significa che occorre usare un numero elevato di prodotti: anzi, quando si tratta di bambini, è proprio il caso si dire che “il troppo stroppia”!

Soprattutto per i primi bagnetti, i migliori prodotti in assoluto sono l’amido di mais o di riso oppure l’avena colloidale puri, cioè del tutto privi di profumi e conservanti, che hanno la capacità di detergere delicatamente la pelle, rimuovendo dai pori ogni traccia di impurità.

L’amido, per le sue proprietà emollienti e purificanti, può sostituire tranquillamente anche lo shampoo fino a quando il bambino non avrà una capigliatura più folta: a qual punto converrà optare per un sapone per bebè privo di profumi, siliconi e altre sostanze sintetiche come ad esempio il sapone di Aleppo, preparato con solo olio di olia e salvia.

Al termine del bagnetto, nelle zone più secche è possibile applicare dell’olio di mandorle dolci, o comunque un olio di derivazione naturale (quello di girasole o di riso ad esempio), esercitando un leggero massaggio. Volendo un cucchiaio di olio naturale può essere aggiunto anche all’acqua del bagnetto per un surplus di morbidezza ed idratazione!

Altri prodotti, come il balsamo, l’acqua di colonia o la crema idratante, sono dunque prodotti del tutto inutili e talvolta perfino dannosi nei primi mesi di vita; il talco, che veniva usato in gran quantità soprattutto in passato, oggi è invece sconsigliato perché formato da particelle che tendono ad ostruire i pori.

Solo più avanti, soprattutto nelle giornate di sole (ma mai prima dei sei mesi, in quanto prima di quella data il bambino non potrà essere esposto direttamente alle radiazioni solari) sarà opportuno schermare la pelle del piccolo con della crema dotata di filtro solare.

Quali detergenti usare per il cambio

Oltre che quando fa il bagnetto, il bambino verrà lavato nelle parti intime ogni volta che si sporca il pannolino. Anche in questo caso però non c’è bisogno di usare un gran numero di detergenti: se si tratta solo di pipì, la cosa migliore è detergerlo solo con un po’ di acqua (no assolutamente, almeno nelle prime settimane di vita, alle salviettine umidificate).

Quando fa pupù, allora in quel caso può essere d’aiuto detergere la zona con un sapone delicato specifico per neonati, meglio se diluito in una bacinella d’acqua: per pulire bene il sedere e le natiche del bambino, puoi utilizzare anche una spugnetta naturale o delle garze di cotone.

Se poi la zona genitale del tuo piccolo fosse molto delicata, puoi anche utilizzare lo stesso amido di mais o di riso che usi per il bagnetto al posto del sapone, sbriciolandone un po’ dentro una ciotola d’acqua.

Una volta che il sederino è ben pulito, è possibile applicare un sottile strato di pasta di zinco o pasta all’acqua per proteggere meglio la cute dalle successive evacuazioni.

Occhio infine alle salviettine umidificate: anche se sono decisamente comode, è bene utilizzarle il meno possibile, magari solo quando sei fuori casa e non puoi fare altrimenti, in quanto contengono spesso alcool, profumi e altre sostante allergizzanti.

 


COMMENTA L'ARTICOLO