Il latte preferito dalle mamme

Quali cibi evitare durante la gravidanza

30 Settembre 2016

  • Alimentazione Bimbo e Mamma

È capitato a tutte le donne, durante la gravidanza, di provare il desiderio di mangiare cibi speciali, magari piccantissimi, fritti o dolci da far salire la curva glicemica a mille! Peccato che, proprio durante quei nove mesi, le restrizioni sul cibo siano abbastanza rigide per evitare problemi al bimbo, ma anche alla mamma.

Prima si diceva che una donna durante la gravidanza poteva mangiare tanto perché, in realtà, stava mangiando per due! Ancora oggi, se lo si chiede a qualche nonna, ci si sentirà giustificate in tutto e per tutto e così addio dieta, addio regole, addio mangiar sano e massimo sfogo alla propria libertà (anzi, a quella del proprio stomaco!).

Cosa evitare di mangiare durante la gravidanza

cibi da evitare durante la gravidanza

Meglio lasciar stare gli antichi detti e le antiche credenze, perché quello che si assume durante la gravidanza è davvero molto importante. Oltre al sushi, infatti, che, essendo pesce crudo, è assolutamente da evitare, anche i frutti di mare e la carne cruda (sì, purtroppo anche il gustoso prosciutto) dovranno essere banditi completamente, poiché possono portare parassiti che sono pericolosi per il bambino in via di sviluppo.

Bisogna essere attente in realtà a qualsiasi tipologia di pesce, anche cotto, perché può contenere alti livelli di mercurio.

Ovviamente sono da evitare completamente l’alcol, la caffeina e anche i formaggi a pasta molle come il gorgonzola, la feta e il brie. Non fidarsi nemmeno dell’acqua di rubinetto, specialmente durante il primo trimestre, e quindi è bene lavare le verdure da consumare crude con disinfettanti appositi, non solo con acqua: per essere sicure può essere più semplice consumare le verdure cotte.

Una raccomandazione (che sarà difficile da rispettare per la maggior parte delle future mamme!) è quella di evitare il più possibile il cibo spazzatura (troppe calorie, nessuna sostanza nutritiva) scegliendo come snack delle alternative più sane.


COMMENTA L'ARTICOLO