Il latte preferito dalle mamme

Sole in gravidanza: si può prendere?

18 Luglio 2019

  • Guida alla Gravidanza

Oltre ai rischi che tutti corrono quando ci si espone ai raggi solari, come la scottatura o il tumore della pelle, prendere il sole in gravidanza comporta altri rischi.

In particolare, gli ormoni presenti nel tuo corpo mentre sei incinta, aumentano il rischio di contrarre il cloasma, macchie scure corrispondenti ad accumuli di melanina che possono formarsi sul viso o in altre parti del corpo.

Ma questo non è l’unico rischio legato al sole in gravidanza. L’esposizione ai raggi UV può, infatti, aumentare la tua temperatura interna e causare disidratazione, fattore che, qualora tu fossi nell’ultimo trimestre, potrebbe scatenarti contrazioni, dunque un travaglio pretermine.

Inoltre, secondo alcuni studi, sembrerebbe anche che l’eccessivo surriscaldamento possa ridurre i depositi di acido folico, aumentando il rischio di difetti alla nascita, specialmente se durante le prime 12 settimane di gravidanza.

Ciò nonostante, abbronzarsi in gravidanza non è proibito, anzi, esporsi al sole favorisce l’assorbimento di vitamina D, indispensabile per le ossa. A patto però di usare alcuni accorgimenti!

Consigli per prendere il sole in gravidanza

Se proprio non vuoi rinunciare alla tintarella ma sei incinta, occorre osservare alcune precauzioni.

Per prima cosa, per evitare la disidratazione, è utile:

  • bere molta acqua
  • esporsi nelle ore meno calde della giornata;
  • evitare di prendere il sole per molte ore di seguito.

Per ridurre invece il rischio di contrarre macchie della pella, fai sempre attenzionene:

  • usare creme con filtri solari elevati (almeno SPF 30 per il corpo e SPF 50 per il viso);
  • indossare occhiali da sole co fotoprotezione e cappelli per proteggere gli occhi ed il viso;
  • stare sotto l’ombrellone o indossare capi di cotone per coprire la pelle se proprio devi esporti.

Ricorda inoltre che la protezione solare deve essere riapplicata con frequenza, soprattutto se sudi o fai il bagno. Infine, dato che il tuo pancione è la parte del corpo più esposta, potrebbe essere utile usare un costume intero che copre la pancia oppure un pareo di cotone.

Accertati inoltre che la crema solare e in generale tutti i cosmetici che applichi sul corpo non contengano oxybenzone. Questa sostanza potrebbe infatti interferire con gli ormoni della gravidanza e causare aproblemi allo sviluppo del feto. Per lo stesso motivo, se sei incinta preferisci le creme in tubetto alle lozioni spray dato che queste ultime contengono biossido di titanio, ritenuto cancerogeno se inalato in dosi elevate.

Cosa fare se ti scotti

E se malauguratamente dovessi scottarti? Anche in questo caso è preferibile fare molta attenzione, ai prodotti che metti sulla pelle dato che molte creme antiscottature contengono lidocaina, un anestetico locale che è meglio evitare in gravidanza.

In alternativa puoi anche ricorrere a dei metodi naturali per avere un po’di sollievo ad esempio:

  • Fare un bagno o una doccia fresca per ridurre il surriscaldamento della pelle;
  • Applicare un gel all’aloe vera, un vero toccasana per tutti i problemi della cute.

Chiaramente, se si tratta di una lieve bruciatura dei livelli più esterni dell’epidermide questo non dovrebbe avere alcun tipo di conseguenza né per la futura mamma né per il bambino. Qualora invece dovessi avere febbre e disidratazione elevata, è bene sempre rivolgersi al medico per un controllo.

Abbronzatura artificiale: è possibile in gravidanza?

Per chi ama l’abbronzatura, un’alternativa è quella di ricorrere alle docce o ai lettini abbronzanti. Se però sei incinta, dovresti evitare o comunque fare un uso moderato del solarium perché anche in questo caso corri il rischio di contrarre macchie della pelle non usando un fattore di protezione adeguato.

Per quanto riguarda invece le creme autoabbronzanti, queste sono assolutamente da evitare perché contengono diidrossiacetone (DHA), sostanza che viene assorbita dala pelle e può finire dentro la placenta.

Se vuoi altri consigli per evitare scottature in gravidanza, leggi anche il nostro articolo “Gravidanza al mare: come non scottarsi”.


COMMENTA L'ARTICOLO