Il latte preferito dalle mamme

Trasferirsi all’estero con i bambini

2 Settembre 2016

  • Essere Genitori

Quando i genitori decidono di cambiare luogo di residenza, i primi a cui si pensa sono i propri figli: ma spesso i bambini sono quelli che si adattano più facilmente a nuove situazioni, imparano per prima le lingue straniere, fanno per prima nuove amicizie.

Per un motivo o per un altro i genitori decidono che è arrivato il momento di trasferirsi all’estero. Ed i bambini? Il primo pensiero è che può essere difficile per loro affrontare la vita in un nuovo paese, imparare una nuova lingua, frequentare una scuola nuova e fare nuove amicizie. Spesso, in realtà, sono solo paure che hanno i genitori per se stessi e che invece trasferiscono sui propri figli. Infatti, i bambini sono come delle spugne, imparano in fretta le lingue, fanno amicizia facilmente anche senza saper comunicare troppo con gli altri, si fanno capire in un modo del tutto naturale e senza alcuna difficoltà.

Come scegliere il luogo in cui trasferirsi

trasferirsi all'estero con i bambini

Fonte: myhometruths.com/

Prima di scegliere il luogo in cui trasferirsi, bisogna ovviamente valutare i pro e i contro per una futura vita dei bambini: e quindi ovviamente si devono scegliere luoghi ospitali, sicuri, con scuole e parchi, spazi dove poter far giocare i bimbi, servizi adeguati alla crescita dei piccoli, un’idonea assistenza sanitaria.

Inizialmente si possono cercare scuole italiane o ci si può far consigliare istituti dove i bambini che non parlano la lingua del luogo possano essere accolti senza difficoltà. In questo senso i social network vengono in aiuto: esistono decine di gruppi su Facebook in cui genitori che decidono di trasferirsi all’estero con i bambini possono chiedere consigli a chi è già lì sul luogo, per conoscerne pregi e difetti, per avere una mano a cercare una casa o scegliere la scuola migliore.

Il trasferimento di una famiglia non dovrà essere vissuto come una fuga o un’angoscia, ma i bambini dovranno vivere questo importante momento come un viaggio alla scoperta di nuovi luoghi, dove loro troveranno tantissime cose belle, tanti nuovi amichetti, dove potranno assaggiare nuove delizie e imparare a parlare una nuova lingua.

Insomma, quando una famiglia decide di cambiare paese, i bambini saranno i veri protagonisti di questo momento e riusciranno, senza difficoltà, a incoraggiare i loro genitori con il loro naturale entusiasmo. 😀

 


COMMENTA L'ARTICOLO