Il latte preferito dalle mamme

Viaggiare in gravidanza: i consigli per le future mamme

4 Aprile 2014

  • Guida alla Gravidanza

Viaggiare in gravidanza si può. Anche se aspetti un bambino non vuol dire che tu non possa concederti un viaggio e girare il mondo. L’importante è stare attenta ad alcune destinazioni e prendere le giuste precauzioni. Scopri i nostri consigli.

Molte future mamme pensano che viaggiare in gravidanza sia sconsigliato. Non è proprio così. Anche se alcune destinazioni andrebbero evitate, con i giusti accorgimenti  e scegliendo la vacanza giusta, viaggiare in gravidanza non presenta rischi e ti darà la possibilità di avere dei magnifici ricordi che potrai mostrare al tuo piccolo quando sarà più grande.

Africa: pericolo vaccinazioni

viaggiare in gravidanza

È chiaro che se una futura mamma sta programmando un viaggio da sogno, potrà tranquillamente farlo seguendo le sue passioni ed esigenze, ma sarà necessario evitare, ad esempio, zone a rischio malaria, come l’Africa: il Kenya, ad esempio, rimane uno dei luoghi da sogno dove si può partecipare ad avventurosi safari, prevede una profilassi antimalarica per i visitatori. Le future mamme, per evitare rischi al feto, non devono sottoporsi a vaccinazioni, né tantomeno a profilassi antimalariche. Anche perché, è bene saperlo, nessun vaccino contro la malaria garantisce un’efficacia al 100%. Se invece già ci si è sottoposte a una di queste iniezioni, meglio aspettare almeno 3 mesi per rimanere incinte.

Egitto e Mar Rosso: attenta all’acqua

viaggiare in gravidanza egitto

Se si scelgono destinazioni come il Mar Rosso e l’Egitto, invece, meglio stare attente alla dieta e soprattutto alla scelta dell’acqua, poiché la disidratazione causata dalla diarrea del viaggiatore potrebbe aumentare il rischio di sanguinamento della placenta. E quindi sarà necessario bollire l’acqua, mangiare solo cibi ben cotti e latticini pastorizzati. In ogni caso, prima di partire, evitate di sottoporvi a profilassi antibiotiche, come normalmente viene consigliato ai viaggiatori prima della vacanza.

No ai voli troppo lunghi

viaggiare in gravidanza

Fonte: yahoo.com

Volare non comporterà nessun problema né per la mamma né per il bimbo, anche se sarà meglio non affrontare viaggi lunghi, soprattutto per evitare trombosi e vene varicose. Si possono indossare calze contenitive, sollevare spesso le gambe o cercare di muovere i piedi il più possibile, e alzarsi ad intervalli di 2 ore per almeno 10 minuti, specie se il volo è abbastanza lungo. Può essere d’aiuto anche portare delle pantofole o dei calzini antiscivolo, per lasciare più libertà ai piedi. Durante il volo è bene bere molta acqua, per rendere il sangue più fluido, ed evitare caffeina e alcolici.

Parlane con il tuo medico

viaggiare in gravidanza medico

Fonte: momcircle.com

 

Qualunque sia la destinazione del viaggio, una futura mamma dovrebbe sempre consultare il proprio ginecologo prima di partire. Le compagnie aeree in genere non permettono di viaggiare oltre le 36 settimane, ma è bene chiedere al proprio agente di viaggi o sul sito della compagnia, perché alcune prevedono restrizioni anche dopo le 28  settimane, oltre alla presentazione di un certificato che attesti che la gravidanza stia procedendo in modo normale.

E, dopo tutte le attenzioni e le precauzioni necessarie prima della partenza, una volta arrivata a destinazione, potrai finalmente rilassarti e raccogliere le energie che ti serviranno per quando il tuo bimbo sarà nato!


COMMENTA L'ARTICOLO